Legge di stabilità, il MAIE vota NO: Stessa linea politica dal 2008 ad oggi

Share

voto ricardoRoma, 22 dicembre 2015: - Anche alla Camera il MAIE ha votato NO alla Legge di stabilità 2016. Il presidente, Ricardo Merlo, ha voluto così esprimere fermamente contrarietà del Movimento Associativo italiani all’Estero ad
una politica che continua ad ignorare gli italiani all’estero e mantiene la stessa linea inaugurata nel 2008.

“Siamo convinti – ha sottolineato Merlo – che questa Legge di stabilità continui a negare i diritti dei nostri connazionali residenti all’estero. Pertanto, coerentemente con questa nostra posizione, anche alla Camera abbiamo votato NO”.
“Questa è la legge di uno Stato che non comprende l’enorme potenzialità di avere una delle più vaste comunità all’estero – commenta il presidente del MAIE – e continua con tagli insensati a capitoli di spesa fondamentali per noi. Per il MAIE una politica seria per gli italiani all’estero deve prevedere - tanto per citare le prime  problematicità - di ripristinare le risorse sottratte ai capitoli di spesa relativi agli italiani all’estero, riportandole almeno ai livelli del primo quinquennio del 2000; riaprire le Ambasciate e i Consolati chiusi e potenziare i servizi consolari; eliminare l’ IMU per tutti gli italiani all’estero e recuperare i fondi per l'assistenza diretta e indiretta soprattutto per i paesi dell'america Latina.”

Share

Leggi tutto...

Merlo, Zin e Borghese(MAIE): Da oggi è ufficiale! Gli italiani in Argentina percepiranno le pensioni in euro.

Share

ddddddddddddddRoma, 18 dicembre 2015:- Secondo la Risoluzione  5850 del banco Centrale della Repubblica Argentina  è stato stabilito che da oggi tutti i pagamenti in divise estere che non abbiano liquidazione nel mercato cambiario nazionale (come le pensioni italiane) saranno accreditati sui conti correnti nella valuta d’origine.
Soddisfazione dei parlamentari del MAIE, on. Merlo, sen.  Zin e on. Borghese per questa decisione. Il Presidente del MAIE , Ricardo Merlo ha così commentato la notizia-  Il MAIE è stato protagonista in questi anni di diverse battaglie e di interventi a livello politico nazionale e in Italia per cambiare questo stato di cose che penalizzava gravemente i cittadini, in particolar modo i circa 33 mila pensionati italiani residenti in Argentina, che ricevono il loro assegno in euro.”

Share

Leggi tutto...

Merlo e Ramundo (MAIE) alla Casa Rosada ricevuti dal Governo Argentino

Share

merlo ramundo2Roma, 16 dicembre 2015.- Il Presidente del MAIE, On. Ricardo Merlo e il parlamentare del ParlaSur, Daniel Ramundo (MAIE)  sono stati ricevuti, oggi, alla Casa Rosada da Fulvio Pompeo, Segretario Strategico del neoeletto Presidente della Repubblica Argentina, Mauricio Macri, in un incontro ristretto, convocato all’indomani delle elezioni politiche in cui il MOVIMENTO ASSOCIATIVO ha visto due suoi rappresentanti eletti nel governo dell’Argentina.

L’incontro è stato l’occasione per parlare dell’agenda politica argentina e internazionale dei prossimi mesi e del ruolo che il MAIE giocherà in questo nuovo contesto politico.

Si è parlato di italiani e dei problemi della comunità, in particolare delle pensioni. Qui il Presidente Merlo ha detto di aver ricevuto rassicurazioni dal braccio destro del Presidente Macri circa una “rapida normalizzazione” della questione: ricordiamo infatti che da oltre 4 anni i pensionati italiani in Argentina  perdono a causa del “cepo”- il cambio obbligatorio in pesos della valuta straniera -  circa il 60% del valore del loro assegno mensile. Ma presto potranno percepire il 100% del valore delle loro pensioni. “Una pensione che valeva 3000 pesos, presto risalirà ad un valore di circa 5000 pesos.” Ha spiegato il parlamentare del Parlasur, Daniel Ramundo.

Share

Leggi tutto...

Marcelo Carrara (MAIE) un altro giovane dirigente MAIE con responsabilità di Governo nella nuova amministrazione

Share

merlo carraraRoma, 11 dicembre 2015:- Soddisfazione di Ricardo Merlo (MAIE):“ Dopo Ramundo eletto al Mercosur, un altro dirigente MAIE nel Governo dell’Argentina.
Ieri giovedì 10 dicembre si è insediato il nuovo Presidente dell’Argentina l´italo-argentino Maurizio Macri. Contemporaneamente anche a Mar del Plata ha assunto il neosindaco Carlos Fernando Arroyo, preside e  docente, che ha nominato il giovane neo eletto consigliere comunale Marcelo Carrara nuovo Direttore dei Rapporti con la Comunità .
Marcelo Carrara, attivo dirigente della collettività locale comincia così questo nuovo impegnativo percorso politico: e in questa nuova sfida avrà il compito di lavorare come ponte tra il Municipio e tutte le ong che lavorano da anni in questo territorio, oltre 1000, facilitando il lavoro del terzo settore, fondamentale nell’ attività sociale della località turistica argentina.
Carrara ha la responsabilità della Cooperazione Internazionale e si occuperà dei progetti per internazionalizzare la città e dei gemellaggi tra Mar del Plata ed altre 20 città in tutto il mondo, tra i quali ci sono anche città italiane, ovviamente.
Altro compito è quello di promuovere le diverse collettività della città.

Share

Leggi tutto...

Commissione Bilancio: Il PD vota contro emendamento MAIE per eliminazione totale dell’IMU per gli italiani all’estero

Share

mario

On. Borghese(MAIE) “Ancora una volta il Governo Renzi ha votato contro gli italiani all’estero”

Roma, 10 dicembre 2015:- “Il MAIE ci aveva provato al Senato ma il Governo non ha fatto passare i nostri emendamenti. Così ci abbiamo riprovato alla Camera. Lunedì scorso - ha spiegato il giovane deputato italo sudamericano on. Mario Borghese - si votava, infatti,  sull’emendamento del MAIE  che chiedeva che agli immobili adibiti ad uso residenziale di proprietà di cittadini italiani all’estero, si applicasse, ai fini dell’IMU e della TASI, il regime previsto per gli immobili adibiti ad abitazione principale (Gli emendamenti MAIE erano stati tra l’altro preparati con la partecipazione del Comites di Hannover, attraverso il suo Presidente Giuseppe Scigliano, una forma di collaborazione che vorremmo replicare anche con altri Comites del mondo e col CGIE).

Perché i cittadini residenti all’estero sono gli unici italiani che pagano, e continueranno a pagare, la tassa sulla prima casa?

Share

Leggi tutto...

CERCA NEL SITO

TRADUCI QUESTA PAGINA

 
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x

Login Form