Share

Il MAIE fissa la posizione sulla legge di cittadinanza

Merlo:Il Governo PD ignora gli italiani all’estero e ha ragione Beppe Grillo fa una legge sulla cittadinanza che è un vero pastrocchio.

Roma, 20 giugno 2017:- "Ha ragione Grillo quando dice che questa legge ius soli è un pastrocchio - ha dichiarato l'on. Ricardo Merlo, fondatore e presidente del MAIE - Noi non siamo d'accordo e voteremo contro anche al Senato, cosí come abbiamo fatto alla Camera, perchè quello che sta facendo il Governo PD è paradossale: facilita il diritto di cittadinanza agli stranieri e impedisce lo stesso diritto agli italiani che vivono all'estero.

Da quando il MAIE è entrato in Parlamento, la nostra battaglia è stata sempre quella di essere la voce degli italiani che vivono all'estero - ha ricordato Merlo - Abbiamo cercato di tenere alta l'attenzione dei vari Governi, che si sono succeduti dal 2008 ad oggi, sui temi della promozione della lingua e della cultura italiana, dell' identità, del Made in Italy, abbiamo lottato per una rete consolare moderna ed efficiente, abbiamo chiesto sostegno per gli italiani coinvolti in crisi umanitarie, come in Venezuela; abbiamo presentato varie volte emendamenti a questa pdl, in questa occasione il Sen. Zin lo ha fatto anche a Palazzo Madama, emendamenti bocciati dal Governo PD - per abolire l'assurda discriminazione delle donne italiane nella trasmissione della cittadinanza e per concedere la cittadinanza italiana ai residenti nei territori appartenuti all’ex Impero austroungarico e ai loro discendenti.

Purtroppo mentre tutte le nostre richieste per i diritti DEGLI ITALIANI che vivono all'estero, giacciono in qualche cassetto e le nostre proposte e i nostri emendamenti vengono sistematicamente bocciati, il Governo PD vuole far passare una legge sulla cittadinanza che è un pastrocchio, proprio come dice Grillo!
Uno ius soli, combinato con uno ius culturae, che avranno come conseguenza che centinaia di migliaia di stranieri - che non hanno nessun legame con i nostri valori, la nostra cultura, la nostra storia - potranno inevitabilmente godere anche dello ius sanguinis.Una legge che non ha riscontro in nessun altro paese europeo!

E' un controsenso, soprattutto oggi, dove è molto probabile che chi è immigrato in Italia per un motivo contingente - vedi il caso di rifugiati per guerre e crisi umanitarie - rientri nel suo paese d'origine una volta che il problema sia superato, e lì continui a trasmettere la cittadinanza italiana ius sanguinis a tutti i suoi discendenti.
Da tempo abbiamo reso nota la nostra posizione contraria a questa legge-pastrocchio: una legge fatta oltre tutto in mezzo ad una congiuntura politica internazionale complicata, sopratutto per l'Europa, una legge che potrebbe essere fonte di nuovi problemi per l'Italia. " ha così concluso l'on. Ricardo Merlo.

Share

CERCA NEL SITO

TRADUCI QUESTA PAGINA

 
Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
x

Login Form